Bye bye Laser?

Pietro Meloni Nuove tecnologie, Scansione 3D

Fino a poco tempo fa, la scansione 3D low cost era associata a sistemi piuttosto rudimentali, basati su uno stage di riferimento in cartone, un puntatore laser, una webcam e un software. Risultati non proprio entusiasmanti, importanti limiti dimensionali, complicate e non sempre segnate da successo procedure di allineamento delle scansioni da varie angolazioni per ottenere il modello finale. Più di un rischio per la vista nel proiettare in giro la banda del laser. Ma il low cost fa sempre effetto, e qualche curioso si è cimentato con questi attrezzi. Arrivando talvolta a costruire arzigogolati sistemi di movimentazione con motori passo passo, per evitare il brandeggio manuale del puntatore laser e cercare in questo modo di migliorare la qualità. Chi è arrivato a questo punto, e magari ha acquistato telecamere BN di qualità e puntatori più potenti, non è poi andato molto lontano sul piano dell’accuratezza, ma in compenso è riuscito a spendere di più che se avesse acquistato uno scanner 3D professionale industriale.
Per tutti coloro, e per gli altri interessati alla scansione a basso costo, buone notizie. L’abbinamento di sensori cinetici IR, di adeguati software di controllo e di programmi di reverse engineering abbordabili permette oggi di realizzare soluzioni di scansione 3D in tempo reale con cifre che vanno, a seconda dei dispositivi e dei software impiegati, da 700 a 2500€. Senza cartoni di calibrazione. Senza problemi di dimensioni. Senza allineamento manuale delle scansioni da varie angolazioni, e soprattutto senza le insidie e i limiti del laser (es., i famigerati capelli). Per avere un’idea dei risultati, ecco alcuni esempi su Youtube:

ShareMind ha investito diverso tempo nella sperimentazione di questi sistemi, sviluppando svariate soluzioni adatte alle più disparate esigenze:

  • tre diverse tipologie di sensore
  • scansione in tempo reale
  • possibilità di controllare sino a 8 sensori simultaneamente
  • software professionale 64bit multicore con molteplici funzionalità di base(cleaning, decimazione, registrazione automatica, chiusura fori, bridge, gestione bordi, mapping texture a colori etc.)
  • funzionalità estese nei software di r.e. (autotopologia, feature, sculpting, modellazione etc.)
  • possibilità di motion tracking
  • possibilità di sviluppare interfacce ad hoc per applicazioni di sicurezza, medicali, training posturale, legali, repertazione, educational, gaming, controllo di dispositivi ed altro

Un esempio di configurazione di una tra le diverse soluzioni è visibile alla pagina ArNetic. A seconda delle esigenze, siamo in grado di fornire la soluzione più adatta ad integrare i benefici della scansione 3D nella vostra applicazione.

 

Questo articolo ti piace?