La Atom 2.0 "scalda" i muscoli…

Pietro Meloni Stampa 3D 0 Comments

Questo post è disponibile anche in: Inglese

Un importante annuncio in casa Atom: la disponibilità, a partire da Marzo 2015, di un interessante kit per implementare il piano riscaldato.

Questa stupenda stampante, una delle migliori delta in commercio, era stata fino ad oggi “limitata” all’impiego di filamenti a basso ritiro (PLA, PETG), non essendo dotata di un heated bed. Viste le numerose richieste degli appassionati, e considerate le possibilità della macchina di produrre modelli estremamente accurati, è stata messa a punto una modifica che consente di stampare anche quei materiali (tipicamente ABS) che richiedono necessariamente un piano riscaldato.

Atom heated bed1

 

Il modulo comprende modifiche al telaio, piano riscaldato e supporto in alluminio, un nuovo alimentatore che consente di raggiungere agevolmente temperature di oltre 100°, relè, cablaggi e, come di consueto, una esaustiva guida illustrata per il montaggio.

Qualcuno si starà già domandando: si, ma per stampe di grande volume, ci vorrebbe una camera chiusa… Certo. Per fortuna, la Atom non fa mai le cose a metà. E così, sono già pronti degli elementi di rinforzo della struttura realizzati in durallumino anodizzato, che creano un apposito alloggio per i pannelli di chiusura:

Ciliegina sulla torta, è pronta una nuova versione del fantastico hot end in lega di titanio (MKII), dotato di uno speciale elemento per la stabilizzazione della temperatura.

Chiude la serie dei nuovi accessori un portabobina dal look minimalista, dotato di tutti gli accessori di montaggio.

La “MontBlanc” delle delta, diventata ormai un oggetto di culto tra gli appassionati, è distribuita in Italia da ShareMind.

 

Contatta ShareMind
Questo articolo ti piace?

Lascia un commento